TRINACRIA

Nasce il Laboratorio Sociale Malaspina: occupato l’ex asilo di via Boito

Questa mattina un gruppo di studenti ha occupato l’ex asilo di via Arrigo Boito, in zona Malaspina, a Palermo. 

Maschere che richiamano le rapine più famose del momento, quelle di Dalì della Casa di Carta, e uno lungo striscione: “Dal Comune nessun servizio per il quartiere. Da oggi facciamo noi!”. Nasce così il Laboratorio sociale Malaspina.


Nuova vita allo ZetaLab

Si tratta dello stabile che anni fa ospitava il Laboratorio Zeta, nato da un gruppo di ragazzi, per la maggior parte studenti, che proveniva da esperienze diverse: occupazioni dell'università, box autogestiti alla facoltà di lettere, incontri seminariali sulla non-violenza, coordinamenti cittadini contro la guerra in Kossovo.

«Possiamo dire, senza possibilità di essere smentiti, che le uniche volte in cui lo spazio è stato utilizzato è stato solo grazie a forme di occupazione e uso diretto da parte dei cittadini. Le istituzioni comunali, in particolare la proprietà dello IACP (Istituto Autonomo Case Popolari), durante l’ultimo sgombero, avevano annunciato fantomatiche associazioni pronte a riaprire lo spazio e offrire, entro un mese dallo sgombero, servizi al quartiere. Nel gennaio del 2020 il direttore generale dello Iacp aveva annunciato che l’ex asilo sarebbe stato affidato a un’associazione che si occupa di recupero scolastico e attività ludiche. Dopo quasi due anni l’immobile è ancora vuoto, sigillato e deserto; nessun servizio per il quartiere è stato attivato» - affermano i nuovi occupanti del collettivo Studenti Palermitani. 



Assemblea pubblica oggi pomeriggio

E concludono: “Nelle settimane scorse abbiamo raccolto centinaia di firme nella zona e la volontà degli abitanti del quartiere è chiara: questo spazio, che il Comune sta sottraendo alla collettività, deve essere riaperto. Questo quartiere è conosciuto soprattutto per la presenza del carcere minorile, un luogo di marginalità, di chiusura e costrizione. Noi invece vogliamo costruire un laboratorio sociale di protagonismo e di cura delle necessità degli abitanti. In particolare, vogliamo restituire lo spazio ai tanti studenti che frequentano le diverse scuole qui intorno e che hanno diritto a un luogo in cui studiare, organizzare iniziative e momenti di confronto, socializzare. L’immobile offre davvero tante possibilità di attivare servizi gratuiti e necessari per il quartiere. È questo che faremo. E noi, a differenza delle istituzioni, le promesse le manteniamo!».

Questo pomeriggio, alle ore 16:00, lo spazio verrà aperto per la prima volta con un'assemblea pubblica a cui sono invitati a partecipare studenti, i residenti del quartiere e tutta la cittadinanza che vorrà costruire insieme ai ragazzi questa nuova esperienza.

Nasce il Laboratorio Sociale Malaspina: occupato l’ex asilo di via Boito

Questa mattina un gruppo di studenti ha occupato l’ex asilo di via Arrigo Boito, in zona Malaspina, a Palermo. 

Maschere che richiamano le rapine più famose del momento, quelle di Dalì della Casa di Carta, e uno lungo striscione: “Dal Comune nessun servizio per il quartiere. Da oggi facciamo noi!”. Nasce così il Laboratorio sociale Malaspina.


Nuova vita allo ZetaLab

Si tratta dello stabile che anni fa ospitava il Laboratorio Zeta, nato da un gruppo di ragazzi, per la maggior parte studenti, che proveniva da esperienze diverse: occupazioni dell'università, box autogestiti alla facoltà di lettere, incontri seminariali sulla non-violenza, coordinamenti cittadini contro la guerra in Kossovo.

«Possiamo dire, senza possibilità di essere smentiti, che le uniche volte in cui lo spazio è stato utilizzato è stato solo grazie a forme di occupazione e uso diretto da parte dei cittadini. Le istituzioni comunali, in particolare la proprietà dello IACP (Istituto Autonomo Case Popolari), durante l’ultimo sgombero, avevano annunciato fantomatiche associazioni pronte a riaprire lo spazio e offrire, entro un mese dallo sgombero, servizi al quartiere. Nel gennaio del 2020 il direttore generale dello Iacp aveva annunciato che l’ex asilo sarebbe stato affidato a un’associazione che si occupa di recupero scolastico e attività ludiche. Dopo quasi due anni l’immobile è ancora vuoto, sigillato e deserto; nessun servizio per il quartiere è stato attivato» - affermano i nuovi occupanti del collettivo Studenti Palermitani. 



Assemblea pubblica oggi pomeriggio

E concludono: “Nelle settimane scorse abbiamo raccolto centinaia di firme nella zona e la volontà degli abitanti del quartiere è chiara: questo spazio, che il Comune sta sottraendo alla collettività, deve essere riaperto. Questo quartiere è conosciuto soprattutto per la presenza del carcere minorile, un luogo di marginalità, di chiusura e costrizione. Noi invece vogliamo costruire un laboratorio sociale di protagonismo e di cura delle necessità degli abitanti. In particolare, vogliamo restituire lo spazio ai tanti studenti che frequentano le diverse scuole qui intorno e che hanno diritto a un luogo in cui studiare, organizzare iniziative e momenti di confronto, socializzare. L’immobile offre davvero tante possibilità di attivare servizi gratuiti e necessari per il quartiere. È questo che faremo. E noi, a differenza delle istituzioni, le promesse le manteniamo!».

Questo pomeriggio, alle ore 16:00, lo spazio verrà aperto per la prima volta con un'assemblea pubblica a cui sono invitati a partecipare studenti, i residenti del quartiere e tutta la cittadinanza che vorrà costruire insieme ai ragazzi questa nuova esperienza.

Nasce il Laboratorio Sociale Malaspina: occupato l’ex asilo di via Boito

Questa mattina un gruppo di studenti ha occupato l’ex asilo di via Arrigo Boito, in zona Malaspina, a Palermo. 

Maschere che richiamano le rapine più famose del momento, quelle di Dalì della Casa di Carta, e uno lungo striscione: “Dal Comune nessun servizio per il quartiere. Da oggi facciamo noi!”. Nasce così il Laboratorio sociale Malaspina.


Nuova vita allo ZetaLab

Si tratta dello stabile che anni fa ospitava il Laboratorio Zeta, nato da un gruppo di ragazzi, per la maggior parte studenti, che proveniva da esperienze diverse: occupazioni dell'università, box autogestiti alla facoltà di lettere, incontri seminariali sulla non-violenza, coordinamenti cittadini contro la guerra in Kossovo.

«Possiamo dire, senza possibilità di essere smentiti, che le uniche volte in cui lo spazio è stato utilizzato è stato solo grazie a forme di occupazione e uso diretto da parte dei cittadini. Le istituzioni comunali, in particolare la proprietà dello IACP (Istituto Autonomo Case Popolari), durante l’ultimo sgombero, avevano annunciato fantomatiche associazioni pronte a riaprire lo spazio e offrire, entro un mese dallo sgombero, servizi al quartiere. Nel gennaio del 2020 il direttore generale dello Iacp aveva annunciato che l’ex asilo sarebbe stato affidato a un’associazione che si occupa di recupero scolastico e attività ludiche. Dopo quasi due anni l’immobile è ancora vuoto, sigillato e deserto; nessun servizio per il quartiere è stato attivato» - affermano i nuovi occupanti del collettivo Studenti Palermitani. 



Assemblea pubblica oggi pomeriggio

E concludono: “Nelle settimane scorse abbiamo raccolto centinaia di firme nella zona e la volontà degli abitanti del quartiere è chiara: questo spazio, che il Comune sta sottraendo alla collettività, deve essere riaperto. Questo quartiere è conosciuto soprattutto per la presenza del carcere minorile, un luogo di marginalità, di chiusura e costrizione. Noi invece vogliamo costruire un laboratorio sociale di protagonismo e di cura delle necessità degli abitanti. In particolare, vogliamo restituire lo spazio ai tanti studenti che frequentano le diverse scuole qui intorno e che hanno diritto a un luogo in cui studiare, organizzare iniziative e momenti di confronto, socializzare. L’immobile offre davvero tante possibilità di attivare servizi gratuiti e necessari per il quartiere. È questo che faremo. E noi, a differenza delle istituzioni, le promesse le manteniamo!».

Questo pomeriggio, alle ore 16:00, lo spazio verrà aperto per la prima volta con un'assemblea pubblica a cui sono invitati a partecipare studenti, i residenti del quartiere e tutta la cittadinanza che vorrà costruire insieme ai ragazzi questa nuova esperienza.