• Euskal Herria: grande mobilitazione per il ritorno dei prigionieri politici baschi

    Euskal Herria: grande mobilitazione per il ritorno dei prigionieri politici baschi

    Dopo tre anni, una grande mobilitazione è scesa ancora una volta nelle strade di Bilbao per chiedere la fine dell’eccezionalità legale e, in questa nuova fase, per realizzare la volontà della maggioranza della società basca che i prigionieri tornino a casa.

    Di Resumen Latinoamericano , traduzione di Infoaut

    Sotto lo slogan “Etxera bidea gertu” e dopo due anni di mobilitazioni decentralizzate nei villaggi a causa della pandemia, Sare e Bake Bidea hanno riunito decine di migliaia di persone a Bilbao in difesa dei diritti dei prigionieri baschi. Quest’anno la manifestazione ha ripreso il suo schema tradizionale, con la partenza in calle Autonomía e arrivo in municipio. Lo ha fatto con un’immagine rinnovata, adeguata alla nuova fase, con quasi tutti i prigionieri e le prigioniere nelle carceri basche, e rinnovando la richiesta di porre fine all’eccezionalità giuridica con cui sono puniti.

    Ci sono state decine di migliaia di persone che hanno partecipato all’appuntamento, 67.000 secondo il conteggio di NAIZ. L’irrintzi di Fermina ha segnato il via. Una grande tela, con una dimensione di 30×10 metri e con gli slogan «Stop medidas de excepción, Return, Retour, Etxera», ha attraversato il tratto tra La Casilla e Zabalburu simulando un’onda e facendosi strada sopra le migliaia di persone che affollavano calle Autonomía. A Zabalburu, invece, Amets Arzallus e Maialen Lujanbio hanno animato l’attesa con i loro bertsos, e il gruppo Huntza con ‘Txoria txori’.

    Con l’obiettivo raggiunto di riempire Autonomia, una volta arrivata la grande tela, dopo le 17.45 la manifestazione ha iniziato il suo viaggio verso il Municipio, tra applausi e slogan di “Euskal presoak etxera”. Con in mano lo stendardo principale, Joseba Azkarraga, Bego Atxa, Anaiz Funosas, Rosa Rodero, José Luis Elkoro e Fermin Muguruza, tra gli altri. Dietro di loro, la rappresentanza politica, sindacale e internazionale. E davanti a tutti loro, aprendo il corteo, uno striscione con il nuovo logo per rivendicare il ritorno a casa.

    La manifestazione ha avuto un’ampia rappresentanza della sfera politica, sindacale e sociale, sia da Euskal Herria che dalla Catalogna, Galizia o Madrid, tra gli altri luoghi. Hanno partecipato membri di EH Bildu, Podemos, ERC, Junts, CUP e BNG, nonché ELA, LAB, UGT, Steilas, ESK, EHNE, Etxalde, Hiru, CNT e CGT. Così, Arnaldo Otegi, Bakartxo Ruiz, Oskar Matute, Maddalen Iriarte, Arkaitz Rodríguez, Mitxel Lakuntza, Garbiñe Aranburu, Joan Tardà, Carme Forcadell, Dolors Bassa…

    Durante il viaggio, Bego Atxa e Joseba Azkarraga hanno denunciato che vengono ancora applicate leggi «che consentono di scontare fino a 40 anni di reclusione effettiva, che è come dire un ergastolo nascosto o il mancato calcolo delle pene detentive scontate nelle carceri francesi».

    Secondo i suoi calcoli, se la legislazione ordinaria fosse applicata a loro, il 64% dei prigionieri, in particolare 110, potrebbero essere in semi-libertà o addirittura in libertà condizionale.

    Sono convinti che la massiccia marcia di questo sabato sia «l’espressione di una parte importante della società basca» che chiede la fine della violazione dei diritti dei prigionieri e hanno lamentato che la giustizia «è diventata l’arma legale dell’estrema destra politica».

    «Abbiamo vinto questa tappa»

    Con la pioggia e il vento che hanno fatto la loro comparsa più volte durante il percorso, la testa della manifestazione è arrivata al municipio intorno alle 18.20, mentre la coda non aveva ancora raggiunto piazza Zabalburu.

    Nella dichiarazione finale che hanno letto davanti al Consiglio comunale, Joseba Azkarraga (Sare) e Anaiz Funosas (Bake Bidea) hanno iniziato ringraziando la società basca per la sua «generosità e impegno» e per «resistere democraticamente» alle violazioni dei diritti che hanno significato l’estraniamento e la dispersione per 34 anni, una tappa che «abbiamo vinto insieme».

    Non hanno dimenticato la «sofferenza, il danno morale significativo e il forte costo economico» che la dispersione e l’allontanamento hanno comportato, né coloro che «sulla strada con Mirentxin o nelle strade con il loro sostegno sono riusciti a mantenere la fiamma della rivendicazione e della solidarietà per più di tre decenni».

    Né è mancata la memoria delle sedici persone che hanno perso la vita quando sono andate o sono venute a visitare parenti o amici imprigionati, che Funosas ha nominato uno per uno.

    Costruire il futuro partendo “da qui”

    Evocando la manifestazione dell’8 ottobre a Donostia, Sare e Bake Bidea hanno mostrato la loro « speranza e soddisfazione perché stiamo vincendo la battaglia contro la vendetta, l’odio e la vendetta» e perché «continuiamo ad avanzare, lentamente ma avanzando», e hanno rimarcato che «il futuro è nostro ma dobbiamo continuare a costruirlo e deciderlo da qui», Anche per quanto riguarda il ritorno a casa dei prigionieri.

    Hanno sottolineato che «tutte le vittime di tutte le violenze subite a Euskal Herria meritano il nostro rispetto per il loro dolore e la parità di trattamento da parte dei governi» e hanno avvertito che « finché non cerchiamo una soluzione al problema delle vittime e il dovuto rispetto viene trasferito loro dalla società, e finché non cerchiamo una soluzione alla situazione dei prigionieri baschi», non possiamo parlare di coesistenza.

    Dopo aver sottolineato che Sare e Bake Bidea sono disposti ad «assumersi l’impegno di essere parte attiva nella risoluzione», hanno ipotizzato di avere «molti e importanti ostacoli” che «cercano di impedire a questo Paese di avanzare verso la vera pace e convivenza», in cui i tribunali eccezionali e la Procura hanno un ruolo di primo piano con i loro continui ostacoli alla liberazione dei prigionieri determinati «dal desiderio di vendetta». Tutto questo « ignorando le decisioni di chi nelle carceri conosce l’evoluzione positiva di queste persone private della libertà per lunghi anni di pena».

    «Esercitare la sovranità significa anche essere in grado di prendere decisioni su queste persone da qui», hanno affermato.

    Alludendo al motto di quest’anno, hanno sottolineato che “Etxera Bidea Gertu” riflette «il sentimento che muove la nostra volontà di andare avanti», e questo «dobbiamo fare insieme e insieme, creando spazi per la convivenza», al fine di chiudere il «ciclo di violenza e repressione ed entrare nel ciclo di pacificazione, convivenza e risoluzione».

    Pertanto, hanno mostrato il loro rifiuto del «desiderio di vendetta di coloro che continuano a distorcere le leggi per infliggere una punizione maggiore» ai prigionieri, «mentre osserviamo come non ci sia nessuno in prigione per tortura o crimini di stato».

    Azkarraga e Funosas hanno trasferito la loro «solidarietà ed empatia» alle vittime di ogni violenza e hanno sottolineato il loro impegno a continuare a lavorare «per porre fine a una situazione che ci ferisce tutti come ingiusta».

    «Abbiamo dimostrato che questa società ha bisogno di guardare al futuro, ha bisogno di porre fine alla sofferenza, e per questo solo la mobilitazione sociale e la volontà della maggioranza politica e sindacale basca possono aprire la strada alla libertà», hanno concluso.


    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Isole in guerra

Isole in guerra

Articoli recenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda la Vucciria


Guarda Faidda

Cuntu – lu podcast di trinacria.info